Ricorso parzialmente accolto dall’ABF in merito ai mutui emessi in valuta estera: avevamo richiesto che venissero dichiarate nulle le clausole relative al calcolo degli interessi e quelle relative ai meccanismi di doppia conversione in caso di estinzione anticipata, richiamando per altro una decisione dell’AGCM.

L’Arbitro sostiene la propria incompetenza temporale in merito alle clausole riguardanti gli interessi, ma dà seguito ad un orientamento ormai ampiamente condiviso da tutti i collegi sull’estinzione anticipata e sul meccanismo di doppia conversione, dichiarando le clausole nulle.

È un importante traguardo per la tutela del consumatore bancario e per il rispetto del Codice del Consumo, sebbene il risultato sia meno ambizioso di quanto ci eravamo posti. In questo momento, comunque, il cliente si ritroverebbe a risparmiare circa 71.000 euro di rivalutazione, e in caso di surroga o estinzione anticipata, rispetto agli ultimi conteggi effettuati dalla banca. Inoltre, una delle clausole relative agli interessi non dichiarata nulla, prevedeva il calcolo di un differenziale tra il tasso convenzionale mensile e un indice di cambio;

differenziale che, in caso fosse stato favorevole al consumatore, avrebbe alimentato un deposito fruttifero che sarebbe stato riconosciuto in favore dello stesso consumatore al termine del rapporto.

Dall’ultimo conteggio effettuato dalla banca, tale deposito risulta superiore ad euro 30.000.

Possiamo, dunque, ritenere soddisfacente il risultato ottenuto dal nostro studio.

Contattaci

Ti risponderemo entro 24 ore

Compila tutti i campi del form, grazie.

Ho preso visione della nota Informativa sulla Privacy.

3 + 14 =

Telefono

Email / Pec

Sedi

Via Ignazio Guidi 44, 00147 Roma RM
Via Milazzo 5 - 4012 Bologna c/o Confitaly Bologna